logo green
green
luglio 05, 2017 - Bosch

Mobilità urbana in tutto il mondo. Divieti di circolazione in Europa, sorteggi per le assegnazioni di targhe in Asia, veicoli a tre ruote in India

  • Entro il 2050, almeno il 70% della popolazione mondiale vivrà in città(1)
  • La popolazione rurale si ridurrà a 2,8 miliardi di persone entro il 2050(2)
  • Entro il 2030, vi saranno nel mondo 41 megalopoli(3)

Europa: Le automobili devono rimanere al di fuori dei confini delle città
Il costo degli ingorghi stradali: Nel 2025 gli ingorghi stradali nelle principali città europee genereranno costi annuali pari a circa 208 miliardi di euro(4). Questo dato potrebbe anche aumentare, in quanto entro il 2050 oltre l'82% degli europei vivrà in città(5).

Prima le bici: Gli abitanti di Amsterdam percorrono due milioni di chilometri in bicicletta ogni giorno. Ciò corrisponde al 60% di tutti i viaggi effettuati nel centro della città(6). Anche a Copenaghen le biciclette sono un mezzo di trasporto di massa: qui il 45% della popolazione ogni giorno va in bici al lavoro o all'università(7).

Limiti di accesso: Bollini ambientali in Germania, tasse di congestione a Londra e Milano, divieti di circolazione per i veicoli vecchi a Parigi: decine di metropoli europee stanno limitando il traffico dei veicoli nelle zone centrali. L'obiettivo è sempre lo stesso: ridurre l'inquinamento da particolato e ossidi di azoto.

Nord America: Gli ingorghi stradali costano oltre 120 miliardi di dollari
Più automobili che persone: Nel 2003, per la prima volta, il numero di veicoli immatricolati negli Stati Uniti superava quello delle persone con patente di guida(8). 

Il costo degli ingorghi stradali: Negli Stati Uniti, i guidatori delle dieci città con più traffico passano circa 42 ore all'anno negli ingorghi stradali, con una perdita di 121 miliardi di dollari in termini di tempo e carburante(9).

Carpooling: Per ridurre la quantità di traffico, gli Stati Uniti hanno creato le prime corsie carpool nel 1961. Attualmente, la rete si estende per circa 5.000 chilometri(10). Anche denominate corsie con alto numero di persone a bordo (HOV, High Occupancy Vehicles), le corsie carpool possono essere utilizzate unicamente se vi sono due, tre o più persone a bordo dell'auto.

Giappone: Prima l'area di parcheggio, poi l'automobile 
A passo d'uomo: Le automobili a Tokyo viaggiano a una velocità media di 15 chilometri all'ora(11). Nonostante la rete stradale metropolitana si estenda per oltre 22.000 chilometri e le biciclette costituiscano un 14% del suo traffico, Tokyo possiede solo 11,6 chilometri di piste o piste ciclabili(12).

Problemi di parcheggio: In Giappone vi sono 61 milioni di veicoli e decisamente troppi pochi parcheggi(13). Le città come Tokyo consentono alle persone di acquistare automobili solo se possono provare di avere un luogo in cui parcheggiarle.

Miniauto: Per mantenere il traffico sotto controllo, l'idea è stata quella di creare un'intera nuova classe di veicoli: le kei car. Queste automobili presentano una lunghezza inferiore ai 3,4 metri e hanno un motore dalla cilindrata inferiore a 0,66 litri.

Cina: Il sorteggio di targhe 
Congestione stradale: Alla fine del 2015 vi era un totale di 279 milioni di veicoli sulle strade cinesi, dei quali 172 milioni erano automobili(14).

Rotaie: Il governo cinese offre cospicue sovvenzioni a chi viaggia in tram. A Pechino, i tram trasportano 10 milioni di passeggeri al giorno, pari al 44% dei viaggiatori.

Sorteggio: Ogni mese Shanghai concede solo 9.000 targhe per le #auto nuove(15). A seconda del distretto, le targhe possono costare fino a 8.000 yuan, o più di 10.000 euro(16). Spesso sono perfino vendute all'asta al miglior offerente.

India: Verso la mobilità moderna su due o tre ruote 
Crescita: Oltre 40 città in India hanno già più di un milione di abitanti(17). Con una crescita demografica annuale di 15 milioni di persone, l'India presenta il tasso di crescita più rapido al mondo(18).

Veicoli a due ruote: Sulle strade dell'India circolano circa 125 milioni di veicoli a due ruote, (il 70% dei veicoli del paese).

Pionieri: La città di Ahmedabad è riuscita a ridimensionare il suo traffico motorizzato migliorando e investendo nelle sue infrastrutture di trasporto. Attualmente, il 58% dei viaggi vengono effettuati con modalità di trasporto pubblico e non motorizzato(20).

America Latina: Funivie, non autostrade 
Qualità dell'aria: I livelli di inquinamento in città come Lima, Città del Messico e Santiago del Cile sono tra i peggiori al mondo. Per questo motivo, le principali metropoli dell'America Latina stanno lanciando idee di trasporto sempre più innovative.

Funivia (1): Nelle caotiche megalopoli del Sud America, il boom della funivia urbana non mostra segni di indebolimento. La funivia non solo occupa meno spazio, ma costa anche dieci volte meno di una metropolitana o di un'autostrada.

Funivia (2): Il Messico ha inaugurato la sua prima funivia urbana nel 2016. Le funivie aeree hanno sostituito diverse migliaia di minibus. Prima dell'iniziativa messicana, Colombia, Bolivia, Brasile e Venezuela avevano già introdotto il concetto di "strada sospesa nell'aria".

Funivia (3): Dieci chilometri: questa è la lunghezza della funivia più lunga del mondo, che si estende da La Paz, capitale boliviana, alla città vicina di El Alto. Questa riduce di un'ora i tempi di viaggio per i passeggeri e assesta un colpo all'inquinamento. Vi è in programma di ampliare la rete della funivia fino a 30 chilometri entro il 2019.

Filtro avanzato