logo green
green
luglio 10, 2015 - Apulia Land Art Festival

La III edizione di Apulia Land Art Festival a Ostuni: “AgriCulturLand”

La sfida di questa terza edizione di Apulia Land Art Festival, dal titolo fiabesco ed evocativo di AgriCulturLand (nato dalla fusione tra agricoltura, cultura e terra), è anzitutto quella di creare nuovi modi di percepire la vita agricola, a partire dal confronto con valori, tradizioni, convinzioni e pregiudizi, e di riportarci alla base esistenziale del discorso. Ossia che siamo esseri umani, parte integrante della natura. Alla quale si sta rapidamente tornando, sia con la ripresa vera e propria dell’uso delle campagne, sia con la crescente tendenza a portare le campagne nelle città.
E non esiste uno scenario migliore di quello nel quale porteremo il valore aggiunto della Land Art nell’estate 2015: si tratta della Valle d’Itria, terra rossa dall’antica e profonda cultura agricola, ricca di orti, vigneti, frantoi, masserie e ulivi secolari, simbolo per eccellenza dell’Apulia Land Art 2015.
Il palcoscenico dei land artists, il 4-5-6 Settembre, sarà Ostuni (la zona con la più alta concentrazione di ulivi millenari della Puglia) ed i suoi Orti extramoenia terrazzati appena recuperati dal punto di vista architettonico, ma nuovamente lasciati nell’oblio e nell’incuria. Anticamente chiamati “giardini”, queste aree di grande interesse paesaggistico e ambientale, luoghi fondamentali dell’identità storica locale, ricchi di presenze di valore storico, architettonico e culturale, saranno quindi riportarti al loro fertile splendore passando attraverso la creazione artistica e paesaggistica degli artisti invitati per questa edizione che vivranno immersi nella cultura locale,  grazie all’ospitalità  nelle case degli ostunesi stessi, e potranno indi formarsi al meglio  sulla storia, la cultura, l’architettura e l’arte di questa zona della Puglia, con gite ed incontri organizzati ad hoc. Il Festival, in un progetto che vedrà la diretta partecipazione del Comune di Ostuni e delle realtà locali, lascerà infatti in dono alla città un museo all'aperto di opere di land art inserite in questo contesto paesaggistico di orti/giardini. Il fine di questa operazione è quello  di mettere in comunicazione il mondo della città e il mondo della campagna, così da rendere fisico, presente ed architettonica l’inevitabile osmosi dei due mondi che  l’avvento della modernità e la corrente contemporaneità, hanno reso antagonisti, rivali e avversi. La nostra società ha una forte necessita di ritrovare e rafforzare il proprio legame con l’agri-cultura, e la Land Art, come l'agricoltura, esprime il senso della presenza dell’uomo in natura: l'artista sta cambiando l'ambiente manipolando la natura e disturbando l'ordine naturale delle cose, così come il contadino.
Guadagnandosi Ostuni e la cinta dei suoi orti storici (IV sec. a.C.) –questa  edizione del festival ha in mente un programma ancora più dinamico, ambizioso ed internazionale. La curatela si triplica, chiamando in causa la consulenza scientifica della dottoressa Ilaria Gianni sotto le cui ali esperte opereranno il curatore Saverio Verini ed il local curator Giosuè Prezioso, le lingue di traduzione si pluralizzano, gli appuntamenti si moltiplicano. Una ricca serie di eventi collaterali, ideati per attrarre un più largo pubblico e avvicinarlo all’arte contemporanea e ai temi del Festival, animeranno le tre giornate della Kermesse: saranno presente il Mercato Campagna Amica-Coldiretti e organizzati eventi letterari, spettacoli musicali e teatrali, laboratori didattico-scientifici ed artistici per bambini ed adulti, un’esposizione fotografica riguardante le passate edizioni del Festival,  un convegno artistico con ospiti illustri invitati dalle più importati realtà internazionali (come la Oxford University) e tre incontri di carattere più scientifico finalizzati alla proposizione di idee e pratiche per una gestione ottimale degli orti urbani. Il tutto ovviamente sempre improntato sul tema di questa edizione, “Agriculturland”, allo scopo di diffondere presso la comunità locale e i visitatori la conoscenza e il rispetto degli aspetti identitari del territorio e aumentare la loro consapevolezza e sensibilità verso le reciproche connessioni tra ambiente, cultura, paesaggio, agricoltura e alimentazione.
La kermesse estiva sarà anticipata da diversi eventi di lancio al fine di promuovere a livello nazionale ed internazionale il Festival e i territori che lo ospiteranno in questa edizione. Il primo ha avuto luogo il 21 maggio all’interno dell’Italian Pavilion al Festival del Cinema di Cannes, mentre il prossimo avrà luogo presso il Padiglione Italiano Coldiretti il 25 Luglio alla Expo di Milano, che sarà anche la location del finissage ad ottobre dove saranno presentati i risultati di questa terza edizione. A livello locale il Festival verrà promosso anche attraverso una giornata ricca di eventi presso il Comune di Ceglie Messapica, che da subito ha creduto e sostenuto il Festival ospitando la sua prima edizione nel 2013.

III EDIZIONE Apulia Land Art Festival
“AgriCulturLand”


OSTUNI 4-5-6 SETTEMBRE 2015
www.apulialandartfestival.it